Passa ai contenuti principali

Lettera a Ceriscioli

Oggi avevo proprio bisogno di esprimermi, ho fatto il punto della situazione e ho scritto al Presidente della Regione Marche Ceriscioli, a scanso di equivoci ho inviato la lettera anche a tutta la giunta regionale, all'assemblea regionale, a qualche gruppo consiliare e ad una deputata che sta seguendo da vicino la questione terremoto.
Eccola qua, chissà se ci sarà una risposta... (se avete difficoltà a leggere la lettera qui sotto, trovate il Pdf QUI )


Commenti

Post popolari in questo blog

Quelli bravi a minimizzare

Oggi il nostro Presidente della Regione se ne è uscito con l'ennesima esternazione che mi fa dubitare della sua umanità.
Se volete leggere tutto l'articolo, lo trovate QUI la parte su cui vorrei concentrarmi, comunque è questa:
Terremoto, famiglie senza acqua calda. Ceriscioli minimizza: «Non si è rotta una centrale nucleare»

"Terremoto, famiglie senza acqua calda. Ceriscioli minimizza: «Non si è rotta E’ polemica sulla questione dei boiler installati sui tetti delle casette di Visso, Gualdo di Castelsantangelo ed Arquata del Tronto. Alcuni dispositivi non hanno retto alle temperature gelide dei giorni scorsi e hanno lasciato diverse famiglie senza acqua calda. Sulla vicenda è intervenuto il Presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, che a margine della presentazione del report su stalle e fienili sistemati nell’ultimo anno nelle zone sismiche ha voluto fare chiarezza: «La ditta ha già riparato quelli rotti, in alcune zone le protezioni non erano state ancora messe …

Ricostruzione attività produttive

Se ne parla sempre, in continuazone: "l'economia sarà la prima a ripartire", "le attività produttive avranno la precedenza" e via di seguito.
Potrei iniziare dicendo che, questa tanto sbandierata priorità che viene data alle attività produttive, è talmente urgente da dare alla luce un'ordinanza in merito, addirittura il 9 gennaio 2017 (vi ricordo che il primo sisma c'è stato il 24 agosto 2016), cinque mesi dopo...e senza essere ancora riusciti a dare un riparo decente a buona parte dei lavoratori di questo territorio, che, non mi stancherò mai di ricordare, è prevalentemente agricolo, quindi niente riparo decente agli allevatori e niente riparo agli animali...

Chi si sgola a dire che siamo cocciuti a voler rimanere qui, forse non ha chiaro che si può permettere di fare pranzo e cena tutti i giorni, perchè c'è qualche scemo come noi che presidia un territorio, amandolo, conservandolo e producendo quei prodotti che poi finiscono sulle tavole anche di …